per le mostre e l'arte in collaborazione con www.arte-argomenti.org

lunedì 21 marzo 2016

Presso i Lincei, i libri che hanno fatto l'Europa

Dal 31 marzo al 22 luglio 2016 gli interessati potranno visitare una speciale mostra curata l’Accademia Nazionale dei Lincei e dal Dipartimento di Studi Europei, americani e interculturali dell'università romana “Sapienza”.

locandina dell'iniziativa : I Libri che hanno fatto l'Europa. Manoscritti latini e romanzi da Carlo Magno all'invenzione della stampa


L'esposizione (accesso gratuito) è presso  presso la Biblioteca dell’Accademia Nazionale dei Lincei e Corsiniana. In occasione di tale mostra saranno visibili circa 180 libri-manoscritti latini e romanzi, greci, arabi ed ebraici.
I manoscritti, gli incunaboli e le cinquecentine saranno presentati
attraverso 5 sezioni principali, ulteriormente articolate:
I. La tradizione classico-cristiana: Trivio; Quadrivio; Bibbia; Auctores; I Padri fondatori; 
II Verso la nuova cultura europea: Enciclopedie; Trattati di scienza;
III. La nuova cultura europea: Diritto; Aristotelismo; Agiografia e letteratura didattica; Storiografia; Epica; Romanzo; Lirica; Laudari e sacre rappresentazioni; 
IV. Il primo canone: Dante; Petrarca; Boccaccio; V. Verso la Modernità). 

°°
Orari di visita:
Lunedì, mercoledì e venerdì: dalle ore 9.00 alle ore 13.00
martedì e giovedì: dalle ore 9.00 alle ore 17.00
Ultimo ingresso consentito: 1 ora prima della chiusura
Sabato e domenica: chiusa
La mostra sarà inoltre aperta ogni prima domenica del mese dalle 10.00 alle 18.00.

Biblioteca dell’Accademia nazionale dei Lincei e Corsiniana
Palazzo Corsini, via della Lungara 10, Roma

pdf per approfondimenti sulla Biblioteca
fra i tanti volumi c'è anche il  Fondo Michele Amari, acquisito nel 1889
°°

antica stampa da wikipedia (a Palazzo Corsini c'è notoriamente
anche una bella galleria d'arte)

domenica 13 marzo 2016

Gaeta medievale

Dopo che alcune decorazioni medievali sono state ripristinate nel duomo di Gaeta, nel marzo 2016 si è tenuto un convegno di studi internazionali intitolato "Gaeta medievale e la sua cattedrale ".



sopra due parti dell'opuscolo 

Al convegno hanno partecipato molti studiosi spesso di provenienza accademica. Gli argomenti sono stati diversi (a titolo di esempio: i rapporti di Gaeta con l'abbazia di Montecassino, le origini del Cristianesimo in zona, il residuo contesto medievale della cittadina, gli interessanti reperti medievali del duomo ecc.).
Come sopra acccennato, il convegno di studi è successivo ai restauri che hanno interessato la Cattedrale, le chiese di San Giovanni “a mare”, di Santa Lucia e del Salvatore, la sede arcivescovile e il Palazzo de Vio (sede del Museo Diocesano).
In tale occasione gli interessati hanno potuto ammirare diversi oggetti storici e fra questi  il magnifico Exultet1 gaetano conservato nel museo diocesano.

ARGOMENTI CORRELATI:
arte nei duomi di Gaeta e Terracina
chiesa di San Giovanni "a mare"
museo diocesano di Gaeta

°°°

lunedì 15 febbraio 2016

Monte San Biagio e la memoria del banditismo

Monte San Biagio, in provincia di Latina, anticamente era chiamata Monticelli e, superando il confine pontificio, era uno di primi centri dell'antico Regno delle Due Sicilie.
Tutta la zona nell'ottocento fu coinvolta dalle operazioni di diverse bande di briganti che inizialmente furono spesso utilizzate per motivi politici, ma non persero la loro identità.
In quest'area le imprese dei briganti non sono tanto dimenticate. Fra l'altro ad Itri c'è anche un Museo del Brigantaggio e ogni tanto vengono ricordati antichi episodi. E' il caso di un'iniziativa del prossimo 27 febbraio intitolata: arrivo dei briganti a Monticelli.





°°°



venerdì 5 febbraio 2016

Trastevere, mostra fumetto italiano

Dal 27 febbraio al 24 aprile 2016 i fumetti italiani saranno protagonisti di un'estesa esposizione nelle sale del Museo di Roma in Trastevere.

Manuel Fior, Cinquemila Chilometri al secondo, 2010-©Manuele Fior/Coconino Press-Fandango
(ufficio stampa ViDi)
APPROFONDIMENTI NELLA SCHEDA DEL MUSEO

La mostra “Fumetto italiano. Cinquant’anni di romanzi disegnati” per molti sarà certamente una buona occasione per conoscere l'arte del fumetto che ha una discreta tradizione nel nostro paese. E al riguardo va segnalato che in molti casi i fumetti sono autentici romanzi.

locandina ingrandibile

La panoramica, composta da quaranta romanzi grafici di altrettanti autori, prende il via dal 1967, anno in cui iniziò la pubblicazione di “Una Ballata del Mare Salato”, capolavoro di Hugo Pratt, in cui appare per la prima volta Corto Maltese, e prosegue negli anni successivi con interessanti lavori tra i quali “Sheraz-De” di Sergio Toppi, “Le Straordinarie avventure di Pentothal” di Andrea Pazienza, “Fuochi” di Lorenzo Mattotti, “Max Fridman” di Vittorio Giardino, “Cinquemila chilometri al secondo” di Manuele Fior, “Dimentica il mio nome” di Zerocalcare, passando dal romanzo a puntate ai graphic novel.
L’esposizione presenta anche circa trecento tavole originali a suo tempo predisposte dagli artisti citati ma anche da altri.
E con l'occasione ricordiamo anche che le poste italiane e quelle di San Marino in più occasioni hanno evidenziato diversi artisti del fumetto.
francobollo italiano dedicato a Corto Maltese



emissioni di San Marino sui fumetti italiani

°°°
°°°


ebook di nostro collaboratore (0,99) su Amazon ed altri siti

°°°

sabato 19 dicembre 2015

Al via la mostra di Arbore !

Dal 19 dicembre 2015 al 3 aprile 2016 è in programma l'attesa mostra "Videos, radios, cianfrusaglies" a cura di Renzo Arbore.

locandina dell'iniziativa (ufficio stampa Civita)

L'esposizione all'insegna della frase  "Lasciate ogni tristezza voi ch’entrate" è presso MACRO Testaccio negli spazi espositivi La Pelanda.
L'iniziativa è in occasione dei 50 anni di attività dell'artista e ovviamente non prescinde dalle note trasmissioni televisive che molti italiani hanno apprezzato nel corso di tanti anni.

un momento dello spettacolo televisivo "quelli della notte" (1985)
foto ufficio stampa Civita

°°°

mercoledì 16 dicembre 2015

Il presepe della chiesa dei SS.Cosma e Damiano

Nell'antica chiesa dei SS.Cosma e Damiano, a poca distanza dai Fori Imperiali, è possibile ammirare (praticamente tutto l'anno) un bellissimo presepe settecentesco in stile napoletano. A quanto pare il bellissimo presepe pervenne alla chiesa per via di una donazione.
Un paio di foto:

foto di dettaglio di L.B

foto d'insieme di L.B

Per maggiori informazioni sulla chiesa : SS.Cosma e Damiano
°°
Altri interessanti presepi sono in genere allestiti in molte chiese romane e ha sempre un discreto successo quello proposto nella  Basilica di Santa Maria in Aracoeli.
°°
Sull'argomento della Natività segnaliamo comunque due importanti opere: l'affresco del Pinturicchio nella chiesa di Santa Maria del Popolo e il presepe scolpito da Arnolfo di Cambio (ora visibile in un ambiente museale di Santa Maria Maggiore).

 Pinturicchio , Santa Maria del Popolo


Arnolfo di Cambio: dettaglio presepe (foto ap)