per le mostre e l'arte in collaborazione con www.arte-argomenti.org

giovedì 29 aprile 2010

Civitavecchia, la città delle crociere


Nonostante la crisi economica sono sempre moltissimi coloro che amano le crociere e pertanto le varie compagnie si attrezzano continuamente con nuove navi. In quest'ambito ed ovviamente per le crociere nel Mediterraneo ha sempre un forte ruolo il porto di Civitavecchia che già dai tempi antichi è anche il Porto di Roma(centumcellae).
In tale contesto ovviamente fa parte della strategia degli operatori di Civitavecchia il tentativo di trarre il massimo vantaggio dall'elevato numero di turisti in transito. Quindi, oltre ad approntare strutture sempre più adeguate, non manca qualche sforzo per valorizzare anche le risorse storiche e monumentali della città e degli immediati dintorni. Infatti di cose da vedere ce ne stanno diverse. Oltre al monumentale Forte concepito da Michelangelo ed alle evidenze dell'antico porto romano, meritano sicuramente interesse i ruderi delle Terme Taurine ed alcuni itinerari (anche etruschi e villanoviani) già a poca distanza dal centro abitato.
Magari ci può essere occasione per un salto al museo archeologico di Tarquinia ed altro.
Non mancano ovviamente chiese ed altri monumenti alla cui edificazione all'epoca si impegnò molto lo Stato Pontificio. Civitavecchia era infatti importante anche prima dell'Unità d'Italia.
Nel complessivo contesto comunque anche gli operatori romani si impegnano per attrarre la gran parte dei turisti. Fra l'altro sono in genere ben funzionanti i collegamenti con la capitale (trenino, bus ecc.) con interessanti combinazioni. Dai web relativi alle crociere si apprende che mediamente sostano a Civitavecchia oltre un centinaio di navi. Quindi praticamente una nave ogni tre giorni.

Non va comunque dimenticato che le escursioni a Roma sono spesso proposte dalle stesse navi di crociera e che quindi per gestire le centinaia di crocieristi che valutano di visitare l'Urbe è necessaria un'ottima organizzazione. Impegno che dovrà essere crescente anche perchè le navi da crociera da qualche tempo sono costruite per più elevate capienze.

Nessun commento:

Posta un commento